Mese: giugno 2009

Portfolio career : Il tuo lavoro non è la tua carriera

Postato il

portfolio career,vittoria nervi,career counseling

Nel mercato globale che ha come imperativo la flessibilità il lavoro va e viene.
Oggi puoi ottenere un posto ma non è mai sicuro al 100%.
Ci sono forze che individualmente non puoi controllare e la recente crisi dei mercati finanziari segnala proprio questo.
La tua carriera invece ti appartiene e solo tu puoi decidere come costruirla,valorizzarla,arricchirla di nuove competenze.

La tua carriera è la tua bussola e la mappa per navigare e mettere a frutto le tue capacità.

Le 3 chiavi
Quali sono i 3 elementi chiave per scegliere e costruire una carriera vincente ?
I tuoi punti di forza
Le tue capacità
Le tue competenze

Ognuno di questi elementi più è in linea e coerente agli altri più avrai le chance di riuscire e più la tua soddisfazione nel campo professionale aumenterà

I tuoi punti di forza
Che tipo di cose fai bene?Se ti fermi un attimo e ti guardi indietro è probabile che tu possa vedere che un filo coerente è emerso negli anni.
Per esempio può darsi che tu sia stato sempre abile a organizzare o trattare con le persone oppure cercare informazioni e aggregarle.
Riconoscere i tuoi punti di forza e come usarli in certe carriere piuttosto che altre può aiutarti a scegliere in modo più mirato la tua carriera nel campo giusto per te

Le tue abilità
Molti skill e abilità si imparano,Ad alcuni fare certe attività viene più facile che ad altri.Per esempio per me capire l’informatica,come installare programmi..è un rebus mentre per altri è un gioco da ragazzi e imparano subito metodi nuovi.
E’ importante definire chiaramente queste abilità.

LE TUE COMPETENZE
Le competenze da verificare sono molteplici
competenze tecniche
l’insieme di abilità e conoscenze particolari di ogni specifico ambito lavorativo. Queste competenze variano per ogni settore professionale.

competenze cognitive
Le capacità lavorative che riguardano l’analisi dei problemi, la capacità di decidere ,di valutare e di risolvere problemi.

Competenze relazionali
Tutte quelle capacità che ti permettono di comunicare, cooperare, motivare e gestire i rapporti personali con i tuoi colleghi di lavoro,con i clienti,con il boss

Competenze trasversali
Tutte quelle capacità che possono essere facilmente trasferite da un contesto lavorativo ad un altro.Ad esempio: flessibilità, iniziativa,visione d’insieme, autoresponsabilità…

Come fare?
Costruendo il tuo portfolio career

portfolio career,vittoria nervi, 

3 ragioni per fare il tuo portfolio

1 sviluppo personale
Il portfolio ti dà l’opportunità di guardare più da vicino quello che sai,valutare le tue capacità, i tuoi punti di forza e migliorare i tuoi  punti critici, valorizzare le tue competenze

Il tuo portfolio ti accompagna e onora la tua unicità  e la tua esperienza

 2 uno strumento  per una ricerca mirata e  fare centro
Hai un colloquio?
Il portfolio ti dà una mano.Ti aiuta a mettere a fuoco nel migliore dei modi le capacità e le esperienze che vuoi che siano prese in considerazione e a comunicarle con successo

Il portfolio può essere utile al potenziale datore di lavoro  per conoscere meglio il tuo profilo invece delle solite domande e risposte

3 uno strumento per cambiare e migliorare
Vuoi cambiare lavoro ? Hai fatto molte esperienze di lavoro part time,interinale,a progetto…’Hai superato i quaranta e devi riproporre il tuo CV in modo efficace ?
Il CV europeo è una semplice lista  che non mette in primo piano le tue competenze e non valorizza appieno  le tue esperienze e il tuo ‘potenziale   d’impiego’

 Vuoi costruire il tuo strumento vincente?

Counseling solutions ti aiuta

*a dare valore alle tue capacità
*a ottimizzare le tue competenze
*a proporti alle aziende con convinzione ed efficacia

Annunci

le 4 intelligenze che fanno la differenza

Postato il Aggiornato il

comunicobene modulo

Il mercato globale  ricerca,in ambito professionale, figure sempre più specifiche e flessibili che sappiano non solo gestire il qui e ora ma anche prevedere i trend per attrezzarsi di fronte ai rapidi cambiamenti 

Se vuoi fare una scelta professionale mirata e vincente è necessario attrezzarti ad essere intelligentemente e creativamente flessibile.

L’intelligenza
Basta avere un quoziente di intelligenza sopra la media ?Per avere successo non è sufficiente un titolo di studio ad hoc o essere ‘tecnicamente’ competenti in quel campo.

Una curiosità
A proposito di QI Madonna con un QI di 140 risulta più ‘ intelligente ‘ di John Kennedy (119) e di Bush che,si vocifera, abbia un punteggio che non supera il 100.
Clinton viaggia su 182 mentre sua moglie Hillary ha un punteggio di 140..
E Obama?
Si stima che sia intorno a 140

le  4 intelligenze must del terzo millennio
Cominciamo da due tipi di intelligenza a largo raggio.
Una constatazione:
la mente umana ha bisogno della relazione con l’altro per svilupparsi.
E’ su questa base che il social network è dilagato in tutto il mondo e la rete sta diventando nel business,nel marketing e in politica un tool indispensabile.
Internet e l’espansione delle reti informatiche hanno reso infinitamente più rapida la circolazione di dati ma questo non è il solo vantaggio.Secondo sociologi,cyber filosofi … la rete con le crescenti ramificazioni  starebbe creando una nuova forma di sapere
Oggi con il tuo computer puoi accedere al sapere e alla memoria mondiale
Condividere,far circolare le idee,fare team e fare networking.In una parola occorre avere quella che è stata definita webness cioè 
il collegamento mentale della gente.

l’intelligenza collettiva : il teambuilding
Che cos’è l’intelligenza collettiva?
Cito la definizione di Lévy il media philosopher che studia l’impatto di Internet sulla società. Levy sostiene che il fine più elevato di Internet è l’intelligenza collettiva

l’intelligenza è distribuita dovunque e può essere valorizzata al massimo mediante le nuove tecniche, soprattutto mettendola in sinergia. Oggi, se due persone distanti sanno due cose complementari, per il tramite delle nuove tecnologie, possono davvero entrare in comunicazione l’una con l’altra, scambiare il loro sapere, cooperare.

… L’etica dell’intelligenza collettiva consiste appunto nel riconoscere alle persone l’insieme delle loro qualità umane e fare in modo che essi possano condividerle con altri per farne beneficiare la comunità. Quindi mette l’individuo al servizio della comunità – ma per fare questo bisogna permettere all’individuo di esprimersi completamente – e al tempo stesso la comunità al servizio dell’individuo – poiché ogni individuo può fare appello alle risorse intellettuali e all’insieme delle qualità umane della comunità. A grandi linee è questa la prospettiva dell’intelligenza collettiva, a cui, beninteso, si oppongono tutti i giochi di potere, di oppressione e di dominio
 
Pierre Lévy ‘L’intelligenza collettiva

Leggi la raccolta articoli
l’intervista

Insieme alla intelligenza collettiva il sociologo De Kerckhove sottolinea l’importanza di un altro tipo di intelligenza che favorisce la creatività attraverso la condivisione delle conoscenze

L’intelligenza connettiva : il networking creativo

Ecco cosa dice De Kerckhove
(L’intelligenza connettiva ) mira alla connessione, al collegamento, alla messa in relazione delle intelligenza,le sottrae al tempo lungo dell’accumulazione storica per calarle nel qui e ora dell’esperienza e della sperimentazione concreta.

L’intelligenza connettiva potrebbe rivelarsi proficua nel favorire la creatività attraverso l’utilizzo concreto e collettivo delle conoscenze preesistenti.

“la lotta politica non si farà più tra destra e sinistra ma tra chi guarda la tv senza una risposta e chi accede alla Rete Internet dove vi è un’ informazione molto più completa che ognuno di noi  può gestire e alimentare”.
De Kerckhove

 

career portfolio:Di carriera non ce n’è una sola

Postato il

career portfolio,portfolio career,Vittoria Nervi

I magazine italiani iniziano a parlare del career portfolio come strumento indispensabile per navigare nel mercato nel lavoro globale.
Un lavoro solo può bastare?
La parola d’ordine è multidisciplinarietà per sfruttare le tue competenze

Un articolo interessante su Cosmopolitan di giugno
Per la stesura ho fornito il mio knowhow come esperta
e ho gestito il forum della community su questo argomento

community,portfolio career

Ringrazio tutte le ragazze della community ,dalle Alpi alla Sardegna, che sono intervenute nel forum con domande interessanti su come migliorare il proprio CV,come valorizzare le lor competenze.
[superemotions file=”icon_wink.gif” title=”Wink”] In bocca al lupo a tutte.

Trovalavoro: come investire su te stesso al 100%

Postato il Aggiornato il

workplace-569517_960_720

Prima di cominciare a cercare un lavoro, è fondamentale che tu abbia un quadro chiaro di chi sei ,le tue potenzialita’,le qualità personali, le attitudini, gli interessi

Non sempre è facile avere consapevolezza delle proprie caratteristiche personali.

La richiesta di flessibilità in campo lavorativo richiede nuovi parametri per definire  l’insieme di competenze professionali per inserirsi in un mercato del lavoro in rapida trasformazione

Quali sono i 5 tools per trovare un posto di lavoro?
*UN  CV dinamico che promuova il tuo personal brand, le skill che puoi offrire
*la lettera di branding per presentarti in poche righe
*capacità di usare le tecniche di ocmunicazione per gestire e superare il colloquio
*il portfolio ( non è solo per alcune categorie profesisonali)
*la lettera di follow up

Due abilità essenziali
Le due abilità fondamentali per trovare il tuo lavoro sono:
1 riconoscere quali sono i tuoi skill
2 saperli comunicare al potenziale datore di lavoro.

Nel mio lavoro di consulenza come career counselor noto sempre più spesso che molte donne hanno difficoltà con entrambe le abilità,giocano al ribasso,non valorizzano a sufficienza i loro skills.
Quale è la conseguenza?
Una sottovalutazione delle capacità di proporsi nel mercato del lavoro e colloqui che non funzionano

COSA SONO LE SKILL?
Skill è tutto quello che tu sai fare.
In genere vengono divisE in 3 gruppi
1 personali
2 trasferibili
3 professionali (oltre naturalmente agli  skill di base cioè tutte le conoscenze apprese nel tuo percorso scolastico e formativo)

Le skill personali
Sono le caratteristiche della tua personalità che esprimi ogni giorno in varie situazioni.
Sai quali sono le tue?
Come puoi far leva sui tuoi punti ok per essere vincente nella tua professione?
Certo non è facile essere consapevole a 360°.

Gli skill che fanno la differenza
* atteggiamento positivo di fronte ai cambiamenti e alle opportunità
* ottima motivazione
*spirito di iniziativa
* affidabilità
* capacità di imparare dagli errori,accettare il feedback dagli altri e aggiustare il tiro
*capacità di mettere in campo tutte le tue competenze e risorse

Chi ti conosce può “farti da specchio”,  può dirti “come ti vede”, dandoti importanti indicazioni sul tuo modo di essere.
Per esempio
chiedi ad una tua amica, un collega come ti descriverebbe.
puntuale,estroversa,affidabile,paziente,intuitiva…

Molti sottovalutano i loro punti di forza mentre il datore di lavoro che cerca il giusto profilo per quel posto di lavoro valuta molto questo tipo di skill.

Secondo un sondaggio fra i 4 motivi per cui si può perdere un lavoro non c’è la capacità di fare quel lavoro ma
1 essere disonesti e mentire 14%
2 assenteismo 12%
3 arroganza e pressapochismo nello svolgere i compiti assegnati 12%
4 scarsa motivazione e impegno 6%


Il tuo capitale : Gli skill dinamici
Gli skill dinamici o trasferibili sono il capitale che puoi investire in vari campi professionali.

Secondo un recente sondaggio l’80% di chi cerca lavoro non è in grado di identificare e comunicare le proprie capacità e valorizzare il proprio profilo professionale.

Cosa sono le skill dinamiche?

Probabilmente tu hai sviluppato delle abilità che non sono direttamente collegate al tipo di lavoro o di studi che hai compiuto ma che hai acquisito praticando uno sport,facendo volontariato o coltivando i tuoi interessi.
Sono tutti quelle competenze che possono essere applicabili a una serie di lavori in campi diversi
Ad esempio
abilità di gestione di un budget

(le donne per la maggioranza fanno quadrare il budget familiare ogni giorno con successo)

capacità di rispettare i tempi e le scadenze

(le donne sono abituate a tenere in equilibrio lavoro, famiglia e figli)

Conoscere esattamente tutti questi skill spesso ‘nascosti’ e utile per compilare con efficacia il tuo curricolo e per fare con successo una buona campagna di marketing di se stessi

Come identificare ,valutare e comunicare tuoi skill trasferibili ad una azienda?
Pensa a tutto quello che hai fatto.Analizza ogni lavoro (part time,full time,volontario),i tuoi studi,i corsi fatti,i tuoi hobby e attività dal punto di vista delle capcità che hai imparato.
Ricorda che nessuna esperienza fatta è insignificante

IN PRATICA
Prendi un foglio e dividilo in 3 colonne
posizione   compiti   skill

Scrivi ogni tipo di lavoro, anche breve, fatto,i tuoi interessi e i tuoi hobby nella prima colonna

Nella seconda colonna scrivi i vari compiti e le mansioni per ognuno
Nella terza colonna partendo dai compiti e mansioni ricava gli skills e le competenze acquisite

capacità di memorizzare istruzioni,sequenze…

Ecco un piccolo esempio di una mia cliente
hobby /interessi
Mi piace la musica e imparo velocemente le parole delle canzoni
quale è il relativo skill?
capacità di apprendere rapidamente istruzioni,dati..

Riesco a mantenere la calma in situazioni problematiche quando gli altri si fanno prendere dal panico
skill

capcità di gestione dello stress
capacità di risk management

Hai lavorato in un call center? Hai fatto vari lavori  tramite una agenzia interinale?
pensa in termini di skill.Quali hai potuto sviluppare?

vuoi una aiuto per definire le skill su cui puoi contare?
guarda il servizio job check up e altri servizi personalizzati che offro

Conoscere i tuoi punti di forza,metterli in evidenza,saperli comunicare è fondamentale quando affronti un colloquio,scrivi il tuo CV e la lettera di accompagnamento.

Come puoi assumere più “valore”  nel mercato del lavoro?
Con gli skill che possiedi ora (o che puoi acquisire) che obiettivi puoi raggiungere?
Quale è  il tipo di lavoro in linea con la tua personalità?
Quali sono i tuoi punti di forza e dove puoi migliorarti?
Vuoi ricominciare a lavorare…..che bagaglio di risorse possiedi?

Sei stufo di sentirti dire ‘le faremo sapere?’
Dopo tanti colloqui sei giù di morale e ti chiedi cosa c’è che non è andato bene?
Vuoi fare l’inventario delle tue capacità per prepararti con successo a un colloquio?


La Tua risposta vincente,la tua chance   è  il portfolio

COSA E’ IL PORTFOLIO?
Il portfolio è la raccolta mirata delle tue
*capacità
*abilità
*conoscenze
*esperienza
*risorse e potenzialità
Tieni presente che probabilmente tu hai sviluppato delle abilità che non sono direttamente collegate al tipo di lavoro o di studi che hai compiuto ma che hai acquisito praticando uno sport,facendo volontariato o coltivando i tuoi interessi.
Il portfolio mette in evidenza le tue potenzialità dimostrando tutto ciò che hai acquisito nel passato.

PORTFOLIO PIC

Il portfolio non è solo il Curriculum vitae.

E’ una utile presentazione del tuo profilo professionale che puoi usare durante il colloquio di lavoro per valorizzare le tue capacità

Quali sono i benefici ?
*fornisce una opportunità per una presentazione personalizzata
*è uno strumento di selfmarketing e di promozione durante il colloquio o ( se vuoi lavorare in proprio) per i futuri clienti
*mette in risalto concretamente in modo organico le tue capacità e le esperienze fatte
*è uno strumento utile per pianificare la tua carriera,valutare le tue risorse,migliorare le tue competenze e gestire il percorso della tua carriera

può interessarti
perché è importante avere il tuo portfolio

personal marketing : le 3 C vincenti del career portfolio

Postato il

career portfolio,competenze trasversali,marketing personale

Cosa  fa la differenza  fra te  come professionista, lavoratore , imprenditore o neolaureato e tutti gli altri della tua categoria?

Forse penserai alla preparazione alle capacità,
all’esperienza,ai talenti,al know how.

Certo questi fattori sono importanti.

Fra due neolaureati con la stessa votazione , preparazione quale  è l’elemento chiave nel mercato globale che fa la differenza?

   La immagine nel mercato.

Le competenze  da sole non bastano
L’immagine decide. L’ immagine,come vieni visto e percepito dagli altri attrae o allontana i clienti o,in un colloquio di lavoro,è proprio l’immagine che proietti che fa la differenza oltre ad un curriculum efficace e valido. 
Se vuoi trarre maggior vantaggio dalle opportunità che ti si presentano è
 fondamentale curare la tua immagine,ciò che vuoi rappresentare sul mercato.

L’immagine è il tuo marchio e dice chi sei.

 Perché il tuo marchio è importante  per emergere?

marketing personale,career counselingIl tuo marchio ( personal brand) è il giusto mix fra la tua passione,le tue abilità e capacità e i bisogni del mercato.

marketing personale,career counselingIl tuo brand non è solo un marchio come per un prodotto ma è una RELAZIONE,una comunicazione con delle persone,uno scambio.
marketing personale,career counselingIl tuo brand è un insieme di percezioni o  emozioni che tu susciti negli altri che descrive quella esperienza che gli altri hanno con te.  marketing personale,career counselingIl tuo brand  se è efficace e coerente ti permette di emergere fra i tanti che hanno le tue stesse competenze o expertise

Un personal brand comunica e vende valori attraverso l’immagine

La domanda che con più frequenza chiedono ad un colloquio di lavoro è
‘Mi parli di Lei…’
una domanda semplice che però mette in difficoltà molti e non dà una buona impressione a chi deve assumere
 Quale immagine hanno di te i tuoi amici, colleghi,clienti?
Cosa pensano “gli altri” di te professionalmente?

Chiedi loro  di definirti  in 3 parole.
Prova,in seguito, a trovare le tre parole che ti definiscono.
Potrai così iniziare a capire cosa definisce la tua immagine, le qualità che, propriamente sviluppate, ti distingueranno e ti renderanno unico.

Ogni marchio di qualsiasi prodotto ha delle caratteristiche per distinguersi ed emergere dal mercato ma tutti i brand si basano su 3 regole fondamentali del marketing:

[superemotions file=”icon_arrow.gif” title=”Arrow Icon”] chiarezza
[superemotions file=”icon_arrow.gif” title=”Arrow Icon”] costanza /fedelta’
[superemotions file=”icon_arrow.gif” title=”Arrow Icon”] coerenza
 
Allo stesso modo anche il tuo brand deve rispettare le 3 C.
Vediamo come

1 chiarezza
Ogni marchio ha una parola chiave sulla quale si focalizza e che lo caratterizza.
Ogni marchio promette un valore che viene  comunicato

Ad esempio
Volvo sottolinea il valore della  sicurezza

Barilla l’ affidabilità (Dove c’è Barilla c’è casa)
Che parola chiave useresti per McDonald’s. ,BMW o Nike.?
Ora prova a fare altrettanto come se fossi un prodotto
Ad esempio
Io sono la persona che dà ( aggiungi un paio di aggettivi che esprimono il tuo valore)

Ogni brand è stato costruito per dare la percezione di essere il migliore nella sua categoria di appartenenza

Ad esempio
Rolex ha creato la categoria degli orologi di lusso
Nike le migliori scarpe da ginnastica
Duracell la prima pila alcalina

Ora prova tu a fare altrettanto
Io sono la persona che fa…..

Attenzione! Non una persona ma la  persona cioè la migliore nella mia categoria.

2  costanza
Un marchio,come illustrava un famoso commercial alla Tv cresce con te
dalla culla ed è come un  amico fidato che ti segue sempre.

Ad esempio il marchio Disney è sinonimo di divertimento per tutta la famiglia.
Cosa penserebbero i consumatori se iniziasse a produrre altri tipi di cartoni o film?
Sarebbero confusi e il marchio si indebolirebbe.
La Coca Cola ha mantenuto un messaggio coerente per più di mezzo secolo.Naturalmente si è adattato ai tempi ma sempre mantenendo la sua coerenza.
Ci sono naturalmente le eccezioni che confermano la regola.
esempio: il ‘marchio  Madonna’ ha fatto del cambiamento un elemento di coerenza.
Negli anni ’80 ha pubblicato il suo famoso libro ‘sex’
Mentre negli anni scorsi un libro di favole per bambini.
Cosa ci si aspetta da lei? L’imprevedibile.
Ogni due o tre anni Madonna cambia.
Questa è la sua costanza.

Le persone intorno a te,il target  a cui rivolgi vogliono sapere cosa aspettarsi da te.
Se mandi messaggi  contradditori li confondi su ‘chi sei’ e cosa ti rende speciale.

Il tuo marchio diventa solido e affidabile quando comunichi agli altri le stesse immagini,pensieri,stati d’animo,valori.

3 coerenza
un personal brand è autentico quando tu usi i tuoi valori,le tue passioni e i i tuoi punti di forza per distinguerti dagli altri  in modo da avere le risorse necessarie per migliorare e proseguire come professionista.
Se vuoi costruire un brand vincente è fondamentale capire ‘chi sei’ e cosa hai da offrire

Non è quindi trascurabile la valutazione di quanto possa pesare sul  tuo successo la capacità di comunicare i tuoi valori.

L’anima del TUO  brand  è : la tua Vision, la tua  Mission e i  valori devono essere percepiti dalle persone a cui ti rivolgi (il tuo target) come un insieme coerente a tutti i livelli.
 
La Coerenza non deve essere confusa con prevedibilità o staticità. Essere coerenti non vuol dire rimanere sempre uguali  ma vuol dire trovare il giusto codice di evoluzione naturale che non rinneghi la TUA identità.Il tuo brand dimostra coerenza quando riesce a comunicare chi sei in qualsiasi momento.