Mese: febbraio 2011

Vuoi diventare indispensabile o continuare a seguire il gregge?

Postato il

SETH GODIN,CHIAVE DI SVOLTA,LINCHPIN,CREATIVITA',TALENTO,CAPACITA',CV,CARRIERA

I tempi stanno cambiando,i tempi sono cambiati.L’ha cantato in vari momenti Bob Dylan e lo ripetono ormai senza posa gli apripista che vedono oltre l’orizzonte.
Il modello do ut des del boss  che ha i soldi e decide e il lavoratore che esegue ubbidiente senza creare problemi secondo le istruzioni è in via di estinzione.
Ti senti mai dire al lavoro ‘nessuno è indispensabile’? (e tu men che meno.. sei nel mucchio).Hai paura che se ci fossero dei tagli del personale tu sia in pericolo?

Fino ad ora il mondo funzionava seguendo le regole’lavora senza dare problemi,arriva al lavoro puntuale,fai quello che ti dicono di fare senza discutere’
Ora tutto questo è cambiato. Seguire le regole non basta più.
Ora nessuno è più garantito e può stare tranquillo fino alla soglia della pensione.
Chi entra nel mondo del lavoro oggi non ha più certezze. E’ arrivato il momento di prendere nelle tue mani i tuoi talenti e stare con gli occhi ben aperti per cogliere real time l’occasione giusta e cambiare in meglio.

Seth Godin il blogger di marketing autore di bestseller fra i quali ‘La mucca viola’ nel suo libro ‘La chiave di svolta’ sbriciola con la sua solita acutezza e intuizione l’assioma”nessuno é indispensabile”
Il titolo originale è ‘Linchpin’.

Linchpin è l’elemento essenziale,il perno di una organizzazione.E’ a questa figura chiave che Godin si rivolge
 ‘Ogni giorni vedo persone che avrebbero così tanto da offrire, ma vengono frustrate al punto da tenerselo per sè. Ora basta: smettila di lamentarti del sistema e comincia a elaborare il tuo piano. Dentro di te c’è qualcosa che brilla, il tuo apporto è fondamentale, il tuo lavoro è un arte. Solo tu puoi farlo. Devi farlo.’

 

Quale è l’identikit di questa figura chiave?
Ogni persona che è capace di portare nel suo lavoro non tanto la sua competenza ma la sua capacità di relazione umana,la sua energia.L’ umanità al lavoro aiuta a vivere meglio e ottenere risultati migliori.
E’ importante dare qualcosa di sé, donare agli altri la propria “arte”.
Questo significa che la professione non è più mera esecuzione ma passione e creatività.Ognuno può scegliere di mettersi in gioco,di essere protagonista con le sue risorse e i suoi talenti.
Non è facile diventare un linchpin,indispensabile.
Prima di tutto occorre guardare in faccia le proprie paure,le convinzioni sbagliate tipo ‘non sono capace..non sono creativo…tutti fanno così…
Rompere le regole.Costruire da sé la propria mappa.
“Quello di cui abbiamo bisogno sono artisti – non nel senso di persone che sappiano disegnare o scolpire – ma di individui “capaci di trovare una soluzione nuova, un nesso nuovo fra le cose o un nuovo modo di farle“.

La vera sfida è cambiare iniziando da se stessi dal proprio microcosmo.
Per far valere le proprie capacità occorre conoscersi e conoscere bene i propri talenti,la propria passione e che tipo di creatività possiamo mettere in campo.
In cosa sei speciale?
Che doni hai da offrire?
il muscolo della tua intuizione è allenato?
Non ti pagano abbastanza per quello che vali? dovresti puntare a “essere visto come insostituibile, essenziale e inestimabile. Se sei tutti e tre, allora hai il potere del prezzo” (Seth Godin)

 

Godin non offre una ricetta pronta ma pagina dopo pagina ci mostra con tanti esempi  il nuovo modello di professionista  che nel nuovo mercato del lavoro fa la differenza,che permette ad ognuno di esprimere il suo potenziale.

Come farsi venire delle idee?
Nel suo post  ‘Where do ideas come from?’ Elenca 24 modi
Fra queste
♣Le idee non vengono guardando la televisione
♣Spesso le idee vengono leggendo un libro
♣Le buone idee nascono da quelle cattive, ma solo se ce ne sono abbastanza
♣Le idee vengono in mente quando entrano in collisione universi differenti
♣Le idee temono gli esperti,ma adorano l’atteggiamento del principiante.
♣Le idee vengono a ondate, fino a spaventarci 
♣Le idee nascono dai problemi
♣Le idee utili vengono quando siamo svegli, abbastanza vigili da notare davvero le cose.Ma a volte le idee entrano di soppiatto quando stiamo dormendo o siamo troppo intontiti per avere paura
♣Le idee arrivano di sbieco, o mentre facciamo la doccia, quando non ci stiamo pensando
♣Le idee mediocri si divertono a copiare ciò che funziona in un dato momento

Bibliografia di Seth Godin
La mucca viola Sperling & Kupfer
La chiave di svolta Sperling & Kupfer
altri qui  

Articoli correlati
a caccia della tua mucca viola

Lavoro e tempo di crisi:quale è la tua carta vincente?

Sulla creatività

Annunci

Il colloquio di lavoro:come affrontare le domande e come presentarsi

Postato il

colloquio di lavoro,come affrontare le domande del colloquio di lavoro,mi parli di lei,career counseling,job interview,competenze,CV

Quale è la domanda-chiave da centomila euro,quella più gettonata che ti possono fare 90 volte su 100?
La classica ‘mi parli di lei’
Perché  farti proprio quella domanda se hanno già letto il tuo CV?
Per vedere come ti presenti,quanta sicurezza e fiducia in te stesso e nelle tue capacità hai,come strutturi il tuo racconto e argomenti in un modo che faccia capire che tu ha inteso di cosa hanno bisogno per quel profilo che stanno cercando.
La domanda ‘mi parli di lei’ e cruciale.Come rispondi fa la differenza.
In meno di 3 minuti tutto è nelle tue mani.
Perché  soli 3 minuti?
Perché devi dimostrare di catturare l’interesse e saper vendere il tuo prodotto,cioè le tue capacità,la tua esperienza e le tue competenze scegliendo ciò che interessa a quella azienda.
E’ come preparare uno spot pubblicitario per promuovere te stesso

GLI ELEMENTI DELLA TUA PRESENTAZIONE
1 racconta una storia interessante in sintesi
2 sottolinea i tuoi punti di forza  e i risultati che hai ottenuto che potrebbero interessare chi ti ascolta ( cosa di ciò che sai e sai fare interessa quella azienda?)
Lo scopo del colloquio è di convincere che tu sei la persona giusta che stanno cercando quindi quello che vogliono sentirti dire sono fatti,risultati,ragioni documentate.
Hai bisogno dunque di ‘creare l’atmosfera’ a te favorevole e di farla procedere sui binari giusti

Ricordati che dall’altra parte chi ti sta selezionando inizia subito a formarsi una impressione su di te.

3 passi prima di andare al colloquio
1 Raccogli tutte le informazioni sulla azienda
Fatti un quadro chiaro del profilo che stanno cercando
(competenze più importanti,funzioni,responsabilità,qualità personali che fanno la differenza)
2 Prepara il canovaccio della tua presentazione come se fosse un tessuto
l’ordito sono le tue capacità,le tue competenze,i tuoi punti di forza
la trama sono le capacità relative a quel lavoro
Esercitati a presentarti usando la tecnica ‘speaking mirror'(in sintesi:parla davanti allo specchio) per sembrare più spontaneo.
3 Preparati mentalmente visualizzandoti a tuo agio,sicuro di te (io sono la persona giusta per quel posto **posso rispondere a tutte le domande…)

Come recuperare un colloquio in pericolo
Molte volte è chi ti intervista che non è preparato,è stanco o parla troppo oppure ti fa domande un po’ vaghe
Cosa fare?
Trova il modo di proporti ‘posso dire qualcosa di me’ e di togliere dall’impaccio l’altro.
In questo modo darai tu la direzione, metterai sul tuo binario la sequenza delle domande seguenti che saranno senz’altro influenzate e deriveranno da quello che hai detto

COSA VUOLE SAPERE  IL SELEZIONATORE 
perché sei lì
il tuo obiettivo è di convincere che ti interessa quel lavoro, l’ azienda,le opportunità che ti offre di imparare e sviluppare nuove capacità e che sei pronto a fare del tuo meglio e dare il massimo

cosa puoi fare per l’azienda
illustra l’esperienza,le competenze e i risultati che porti e offri come bagaglio per contribuire al successo della azienda,del tema di lavoro,del settore per cui ti candidi
(commerciale,tecnico…)

che tipo di persona sei
La cornice ha come elementi lo spirito di iniziativa,le competenze interpersonali,una buona dose di flessibilità,un atteggiamento responsabile….

cosa chiedi per quello che sai e sai fare
La negoziazione dello stipendio non è il solo punto.Sai quanto vali realmente,che valore aggiunto puoi portare,quanto puoi rendere alla azienda se investe su  di te?
Quale è il tuo ROI?

Questa è una breve panoramica di ciò che ti occorre per prepararti al meglio al tuo colloquio di lavoro vincente.

Counseling Solutions ti offre il servizio personalizzatoJob interview tutoring
♦preparazione del materiale da portare al colloquio
♦ come rispondere in modo conciso,chiaro e persuasivo  alle domande del selezionatore
(tecniche per affrontare in maniera efficace, in tutti i suoi aspetti (comunicativo e professionale), il colloquio di selezione, per ottenere credibilità, considerazione e attenzione.
♦ come mettere in risalto i tuoi punti di forza in rapporto a quel profilo
♦ come presentarti con professionalità utilizzando al meglio le tecniche comunicative più consone

 

 

Preparazione e fiducia in se stessi
L’approccio di base a un colloquio di lavoro consiste nell’essere ben preparati.
Questo per te significa due cose: una buona preparazione pratica al colloquio e la raccolta di informazioni e conoscenze a cui attingere nel corso del colloquio stesso
Ricordati che sei lì per offrire qualcosa (in cambio dello stipendio), e non per elemosinare il lavoro che ti possono offrire

Articoli correlati
Trovare lavoro-donna:le 5 regole per un colloquio vincente

Il woman dress code:come ti vesti per il colloquio?

le 3 domande chiave per essere vincente

La formula 3 per con-vincere in un colloquio di lavoro