Mese: luglio 2012

Linguaggio non verbale:Come guardi?I 4 modi di guardare gli altri e la tecnica -triangolo

Postato il Aggiornato il

COMUNICAZIONE OCCHI, career counseling, comunicazione non verbale, triangolo di comunicazione,vittoria nervi,meeting, team,

Gli occhi sono la finestra dell’anima

Quando ero una bambina mi sono sentita ripetere mille volte‘quando si parla con qualcuno bisogna guardarlo negli occhi’.
In generale il consiglio era giusto ma lo sguardo ininterrotto dà la sgradevole sensazione di essere sottoposti ad una specie di interrogatorio e ci si sente a disagio.Com regolarsi?

La formula dello sguardo
Secondo alcuni studi la formula per non sbagliare è 70/30 cioè mantenere il contatto oculare per 70% del tempo e distogliere lo sguardo per il restante  30% guardando altrove.
E’ un modo positivo per mostrare interesse verso l’altro e ciò che vuol comunicare ma allo stesso tempo lasciargli spazio per ‘respirare’.

In pratica
Come ci si regola con la formula regola 70/30?
Mantieni lo sguardo per 7 secondi  e poi distoglilo per 3 secondi evitando di guardare in basso o al pavimento.
Guardare in basso o per terra può dare 2 messaggi non proprio positivi:
o stai mentendo o non sei sicuro di quel che stai dicendo
Meglio guardare in alto e a destra senza ruotare la testa.Questo mostra all’altra persona che stai pensando o cercando di ricordare qualcosa.

4 modi di guardare
1 la tecnica dei triangoli rovesciati (fig. 1 e 2)
per uno sguardo più soft e meno invasivo immagina un triangolo inverso sul viso dell’altra persona: la base è la linea fra i due occhi e il vertice sul naso.
Mentre parli muovi lo sguardo intorno ai lati del triangolo.
In alternativa immagina un triangolo rovesciato sulla fronte del tuo interlocutore
Mentre parli muovi lo sguardo intorno ai lati di uno o di entrambi i triangoli.
Questi rapidi movimenti eviteranno di far sentire la persona sotto interrogatorio.
Evita di andare più in basso del naso

2 lo sguardo business (fig.3)
Questa tecnica è utile nel rapporto one to one e specialmente in campo professionale, se devi trattare con un cliente,concludere un affare….
Il triangolo non è più rovesciato ma ha il vertice sulla fronte.
Non è facile adottare questo tipo di tecnica e mantenere lo sguardo nella parte superiore del viso.Naturalmente il nostro sguardo spazia quindi obbligarlo in una area può far perdere il filo di ciò che tu o l’altro state dicendo.
Occorre fare esercizio prima di metterlo in atto in meeting,riunioni…

Nel prossimo articolo gli altri 2 modi di guardare

Annunci

Comunicazione NV:la verità te la svela sempre il corpo

Postato il Aggiornato il

COMUNICAZIONE,LINGUAGGIO NON VERBALE,LIE TO ME,corpo parla,colloquio di lavoro,gesti,sorriso finto,carerr counseling,vittoria nervi

Ognuno di noi parla in prima istanza con il proprio corpo attraverso i gesti,lo sguardo, la postura,la voce….
Solamente il 7% di tutte le informazioni di un discorso passa attraverso le parole; il restante è comunicazione non verbale.
Questo linguaggio ha i suoi codici che spesso non conosciamo a fondo.
Una cosa però è certa il linguaggio del corpo non mente.
Conoscere la comunicazione non verbale è un’arma vincente in varie situazioni in ambito professionale e personale.
Pensa,per esempio,a un colloquio di lavoro.Come capire se chi ti seleziona è interessato o ha intenzione di assumerti?
Come ti siedi,ti muovi,guardi,il tipo di voce che usi e tante altri dettagli contribuiscono a dare la prima impressione

Paul Ekman dopo 40 anni di studi ha messo a punto il codice Facial Action Coding System (FACS) per decodificare  ogni espressione del viso umano ma non solo.

Ha studiato a fondo l’argomento bugie osservando il comportamento non verbale dei bugiardi.
Questi studi sono stati usati per i vari episodi di ‘Lie to Me’ la fortunata serie tv dove il personaggio-esperto Cal Lightman smascherava sempre con successo tutte le persone che mentivano

Possiamo affermare con la voce ‘non ho niente,sono contenta’ e potrebbero crederci se il linguaggio non verbale fosse coerente con quello che stiamo dicendo.
Chi ascolta è portato istintivamente a dare credito più al corpo che alle parole.

Facciamo alcuni esempi
ci interessa quel che sta dicendo quella persona?
Istintivamente incliniamo il busto in avanti o se non vogliamo darlo troppo a vedere, usiamo mani (teniamo una mano come sospesa nell’aria)o  piedi (solleviamo un piede) Altri gesti comuni per mostrare interesse sono:
leccarsi le labbra, passarsi la mano fra i capelli, giocare con un oggetto a portata di mano.
la persona è interessata a noi o a quel che stiamo dicendo?
Se l’interesse non é rivolto a noi, ma a quello che diciamo il segnale non verbale viene eseguito immediatamente dopo una parola o un argomento (in genere passa circa un secondo fra lo stimolo e la reazione).

I CONFLITTI
Vorremmo dire ‘No’ ma finiamo col dire sì per non discutere o per quieto vivere?

In una situazione di conflitto interiore le parole dicono una cosa e il corpo un’altra.

Il principio di incongruenza
Un modo per riconoscere quando la comunicazione verbale e quella non verbale vogliono dire 2 cose diverse  è la valutazione del “rapporto temporale” tra i gesti usati e le parole.

regola
Abitualmente i gesti anticipano sempre quello che stiamo per dire
Se accade il contrario cioè prima le parole e poi i gesti ecco che stiamo dicendo qualcosa che non pensiamo o sentiamo

Due parti di un insieme
Possiamo controllare i nostri gesti,la postura?
In genere è più facile tenere sotto controllo la parte superiore del corpo( la mimica del viso e alcuni gesti) e la sua parte destra
Abbiamo più problemi con la parte inferiore (dal bacino in giù) e con il lato sinistro
Non sei sicuro se l’altro sta dicendo la verità o non pensa quello che afferma?
Fai attenzione ai segnali della parte inferiore del suo corpo ( bacino, gambe e piedi) e al lato sinistro.

I segnali delle bugie
Se ti senti dire ‘sto bene con te’ per capire se l’altra persona è sincera guarda la posizione dei suoi piedi. Se tiene il piede puntato verso una porta o una finestra non è sincero. 
Altri segnali non verbali
evitare di incrociare lo sguardo dell’altra persona o dare brevi occhiate in giro o spostare un oggetto
guardare   negli occhi, ma allontanarsi da lui col corpo),

Il sorriso:vero o finto?
Il sorriso vero parte dagli occhi.Sono gli occhi che possono farti capire.Se si formano delle piccole linee ai lati degli occhi,le palpebre si socchiudono e la curva della bocca vira verso l’alto allora il sorriso è sincero.Perché?
Perché i nostri muscoli oculari sono difficili da controllare a comando
In caso contrario il sorriso è solo di convenienza o socialmente utile

esercitati a riconoscere il sorriso
per ogni item clicca sul tipo di sorriso
enjoyment smile –sorriso sincero
social smile –sorriso sociale

qui sul sito della BBC
Ci sono 20 item
clicca play ogni volta,guarda e segna
genuine oppure fake ( finto)
passa al successivo ( next)
Al termine avrai il punteggio e segnalati gl itiem corretti e quelli che hai sbagliato

un sito interessante
bugie smascherate