Mese: settembre 2013

Colloquio di lavoro:4 regole chiave per un colloquio vincente

Postato il

Molti  affrontano il colloquio come se fosse un esame di scuola o una interrogazione con domande alle quali rispondere.Una specie di partita di ping pong domanda-risposta.domanda-risposta…..
Cosa cerca il selezionatore?
Certamente non vuole sentire solo le risposte alle sue domande o dettagli che può trovare benissimo nel CV se questo è costruito ad arte ma vuole ascoltare quel quid in più,vuole sentire la tua ‘storia’.
Nella tua storia devono essere presenti le informazioni chiave su chi sei e cosa sai fare

La domanda –chiave: mi parli di Lei
A questa domanda la maggior parte dei candidati si lancia in un monologo dove passa in rassegna il proprio percorso professionale con la velocità di un freccia rossa senza un apparente criterio per catturare l’attenzione e l’interesse del selezionatore che sta ascoltando e fare qualcosa di efficace per farsi convincere

 dal 2008 al 2011 ho lavorato come…. per l’azienda xxx .Le mie mansioni erano…..

Il risultato che ottiene è di scomparire nella zona grigia insieme a decine di altri.Cambiano nomi,ruoli ecc ma il menù è sempre lo stesso
Quale è lo scopo di questa domanda?
♦capire come hai agito fino ad ora per prevedere la tua futura performance nella nuova azienda,eventuali problemi a livello interpersonale..
♦sapere in cosa sei bravo e se puoi portare il tuo bagaglio di esperienza e di conoscenze nel nuovo contesto di quella azienda 

 cosa fare?

per evitare la noia mortale dell’effetto necrologio se non ti viene naturale raccontare storie prova ad esercitarti con largo anticipo.
Ricordati che la preparazione è fondamentale.La  maggior parte del lavoro devi farla prima

1 prepara 3 focus point come se fossero 3 ministorie
Estrai dalla tua ‘storia’ professionale  degli ‘appetizer’ ( stuzzichini) facilmente digeribili  come quelli che si assaggiano ad un aperitivo. Lavora col criterio kiss (keep it simple and short)
♦di quali risultati ottenuti sei orgoglioso?
♦ descrivi in breve una sfida che hai affrontato con successo
♦ come hai contribuito alla soluzione di un problema specifico che può interessare ora la nuova azienda?
♦cosa hai di speciale e di unico? (quali doti personali?qualche specializzazione o preparazione tecnica?hai delle credenziali?)
♦ hai degli interessi che possono’pesare’ per fare buona impressione? 
Colloquio lavoro e storytelling:come rispondere a ‘mi parli di lei’?Crea la tua storia

2 la regola del due

Immagina ogni ministoria come 2 punti 
il punto A è l’inizio e B è la fine .Il segreto è percorrere questi due punti  tenendo presente la regola del 2 minuti perché il tempo di attenzione in media è questo. La stessa regola vale  se  devi rispondere  a una domanda.Quelli troppo prolissi e che non hanno il dono della sintesi perdono punti in fatto di credibilità  .

3 LA REGOLA 50/50
ascolta per il 50% del tempo e parla per il resto

4 la regola delle tre  V
se vuoi fare un’ ottima impressione non dimenticare che il linguaggio non verbale incide per
il 90% sulla valutazione quindi cura

V –impatto visivo: cura il tuo impatto a livello di immagine( vestito adatto,capelli in ordine…)
leggi
Donne e lavoro:cosa rivela il tuo look professionale?I 5 punti must
Il woman dress code:come ti vesti per il colloquio?

Mantieni il contatto oculare e sorridi 
leggi
Comunicazione e linguaggio non verbale:4 errori che fanno le donne
Linguaggio NV:Come guardi?I 4 modi di guardare gli altri e la tecnica-triangolo (2)

V-impatto vocale
 usa un tono di voce assertivo che dia l’impressione di sicurezza e professionalità

V-impatto verbale

 scegli con cura le frasi
Colloquio di lavoro:sai usare l’atteggiamento vincente e le parole giuste?

 

leggi
colloquio di lavoro:il colloquio vincente in 5 atti

Il colloquio di lavoro:come affrontare le domande e come presentarsi

 

Annunci

Come prepararsi al colloquio:le due domande trappola

Postato il Aggiornato il

 colloquio,come rispondere al colloquio,preparazione al colloquio di lavoro,career counseling,vittoria nervi,cercare lavoro

quali sono le domande più difficili in un colloquio?
quale è il significato nascosto dietro le domande di un selezionatore ? cosa sta cercando di sapere o scoprire? E soprattutto quali sono le risposte intelligenti?

1 domanda rivolta al passato che vuoi lasciarti alle spalle
perché vuole cambiare lavoro?
quando un recruiter fa questa domanda vuole sapere le tue reali motivazioni.
Come te la cavi?
La risposta migliore ruota intorno alla parola chiave ‘sfida’
ci sono vari motivi che spingono una persona ad accettare una sfida:
♦ mancanza di stimoli,di crescita professionale in quel posto
♦lunghi spostamenti(non vuoi fare il pendolare a vita)
♦sai che il tuo talento può essere meglio messo a frutto
♦vuoi lavorare in una azienda di prestigio,solida…..

 2  domanda rivolta al futuro
Che cosa può fare Lei per la nostra azienda che gli altri candidati non possono fare?

Ovviamente non sai chi sono ‘gli altri’ e cosa sanno fare quindi bypassa con un sorriso e inizia a illustrare con convinzione la tua preparazione circa le responsabilità che il profilo richiesto può comportare
Occorre una buona capacità di analisi? doti organizzative?
Il tuo obiettivo è persuadere il selezionatore che tu sei la soluzione,il problem solver.

da fare prima del colloquio

cerca e raccogli informazioni

tutto quello che riguarda l’azienda per la quale ti vuoi candidare( pagina web,servizi che offre, la mission, i valori …) ti sarò d’aiuto per mostrare al selezionatore che ti sei impegnato e che sei consapevole della cultura aziendale e dei suoi obiettivi

se hanno fatto una inserzione
leggi  il testo della inserzione del profilo che stanno cercando o chiedi informazioni dettagliate poi prepara in anticipo una griglia dove incrocerai
le tue competenze e cosa hanno bisogno.
la domanda chiave è: come le competenze che possiedo possono incontrare le loro esigenze?

vuoi prepararti al colloquio ?

la mock interview è la risposta

PACK CV+MOCK INTERVIEW

Come ritagliarsi del tempo in ufficio?

Postato il

Ogni tanto vorresti un break. Usa la tecnica del pomodoro e riuscirai a lavorare meglio, stressarti meno e non avere più l’ansia del tempo che passa. Ecco di cosa si tratta e qualche altro trucco per vivere meglio in ufficio

leggi i miei consigli