Mese: giugno 2016

Rapporti di lavoro:quelli che chiedono consigli che non van mai bene

Postato il Aggiornato il

CHIEDERE CONSIIGLI -ANALISI TRANSAZIONALE GIOCO SI' MA

Certa gente al lavoro  farebbe carte false per rompere l’anima agli altri e in questo devo dire che sono fottutamente creativi.

Eric Berne,fondatore dell’analisi transazionale ne ha sipegati parecchi nel libro A che gioco giochiamo 

Ecco il gioco del sì,ma….
Il MA è la chiave del gioco in cui puoi incartarti quando qualcuno ti chiede un consiglio del tipo ‘cosa dico a…? secondo te cosa dovrei….
L’obiettivo di questo furbone non è di ascoltare i tuoi consigli (anche se lo scopo sembra quello) ma di farti cambiare umore,di farti perdere la pazienza gratis o di rovinarti la giornata se i pianeti sono a tuo favore.

Tu frughi nella tua testa per trovare il consiglio giusto:‘perché non provi a…’ e ogni volta tegolata in faccia..niente da fare.La treappola inizia con  sì, ma….

sì,ma se faccio come dici tu  dopo succede che….
sì, ma è troppo complicato/non funziona ..sono sicuro

L’elenco sarebbe kilometrico perchè la fantasia di questi rompiscatole varia con l’età,il carattere,la zona geografica...

Se la tua virtù è la pazienza e sai mantenere la calma ti assicuro che al decimo tentativo ti scatteranno i nervi e avrai bisogno di un tot di tempo di training autogeno per riprenderti.

Dove è il trucco?
Lo scopo del rompiscatole  è quello di dimostrare che:
1 il suo problema non ha soluzioni
2 continuare a fare la vittima
3  tu non vali un accidente come amico,consigliere…

Alcune persone ci provano gusto a provocare.Per loro è  un modo di scaricarti il loro cestino di menate e andar via più leggeri.

Ti puntano e se non chiudi il gioco in fretta male per te perché dopo ti sentirai un po’ stupido per aver perso tempo e/o amareggiato per non aver potuto aiutare( se sei un buonista doc)

Come si fa a capire che è un gioco? Come uscirne?
E’ un gioco quando ad un certo punto ti senti confuso (cosa posso dire? non va mai bene niente?)

Il gioco soddisfa 2 diversi bisogni
1 il tuo bisogno di aiutare,che l’altro sfrutta
Dare consigli spesso vuol dire pensare sotto sotto che l’altro è un povero sfigato che non sa cavarsela..(non è più un bambino e tu non sei il suo genitore).
Rientri,per caso, in uno di questi tipi:Faccio io;‘ghe pensi mi’ ;dovresti fare,dire…;Io so che cosa fare,tu no

2 il bisogno dell’altro di essere ascoltato ( come i bambini che fanno i capricci per ottenere l’attenzione e le coccole)

Come uscirne?
Ci sono 3 domande magiche per abbandonare il ‘terreno di gioco’
di chi è il problema?       
posso risolverlo io?       
come mi sento?

Accendiamo le risposte giuste
non è mio
no
ho cambiato umore/mi stanno girando… 

3 dritte
1 dare aiuto solo se richiesto 
 
Se date a una persona il parere giusto, l’aiutate per tutta la giornata .Se le insegnate a chiederlo, l’aiutate per tutta la vita.(George Reavis)

2 se l’altro si lamenta chiedi
cosa hai bisogno esattamente da me?cosa posso fare? insisti altrimenti il gioco andrà avanti

3 scarica la grana
prova con “guarda..mi sa che non posso aiutarti” (non sentirti cattivo o in colpa)
Se ti senti un po’ stronzo a lasciare qualcuno nella…. getta un occhio nella tua borsa dei sensi di colpa e svuotala

Annunci

Rapporti di lavoro:il rischio di essere troppo buoni

Postato il Aggiornato il

ARROGANTI E MANIPOLATORI

Se sei una persona che ama aiutare il prossimo,che si fa in quattro per soccorrere chi ha una grana,che dispensa consigli e favori a destra e a manca tieni presente l’altra faccia della medaglia cioè il rischio di incagliarti nei meccanismi che l’analisi transazionale chiama giochi

Tutti recitiamo una parte nella commedia della vita.Famosa è la citazione di Shakespeare nella sua commedia “Come vi piace“
Tutto il mondo è un palcoscenico E tutti, uomini e donne non sono che attori.Hanno le loro entrate e le loro uscite; Ciascuno nella sua vita recita diverse parti.

Passando dagli artisti alla psicologia ecco come Eric Berne, fondatore dell’Analisi Transazionale definisce il gioco:
“Il gioco psicologico è una serie di transazioni ulteriori ripetitive a cui fa seguito un colpo di scena con uno scambio di ruoli, un senso di confusione accompagnato da uno stato d’animo spiacevole come tornaconto finale….
Il gioco,in poche parole, è un tipo di rapporto con gli altri che,come risultato,procura stati d’animo spiacevoli.

il gioco del triangolo
Uno dei giochi più gettonati e quello del triangolo spiegato e analizzato da Stephen Karpman 
Per questo gioco sono necessari 3 persone in 3 ruoli
chi cerca aiuto,e si lamenta
il salvatore/la crocerossina
il  persecutore

Al lavoro possiamo vedere in azione questo ‘gioco’ fra colleghi,fra  il/la  collega  e il boss o il responsabile
il boss persecutore
il collega tartassato
il salvatore che vuole salvare la situazione

Il rischio di buttarsi a capoffito nell’aiutare  è di giocare il ruolo del salvatore o della crocerossina.
Il problema non è aiutare ma strafare, correre in soccorso ancor prima che qualcuno ce lo chiede,occuparsi dei problemi degli altri e lasciare in secondo piano i propri

Chi fa spesso la vittima e non fa che lamentarsi e basta non ha un atteggiamento proattivo e chi corre in aiuto a soccorrerla facendosi in quattro come se l’altra persona abbia meno di 10 anni   non la aiuta certo a fare passi avanti ma,suo malgrado,la fa restare in stand by e a non prendersi la responsabilità di cambiare

Il pericolo di correre in aiuto (sempre e comunque) è di essere invadente,ficcanaso e di lasciare l’altra persona con la sensazione di essere stupida o incapace,una vittima delle circostanze
Meglio aiutare quando ce lo chiedono per non rimanere male in seguito( ‘non mi ha neanche ringraziato’).Questo aiuta a non rimanere male a posteriori e a non passare dal ruolo di chi aiuta a quello della vittima

Chi si lamenta passivamente e non muove una virgola per trovare una soluzione, per attivarsi non vuole responsabilità.E’ sempre colpa di qualcosa o qualcun altro.Trovare il capro espiatorio o il colpevole è il suo modus operandi.
Sono campioni del lancio del senso di colpa.E’ colpa tua se……Se non avessi detto,fatto…
Il copione è costruito apposta per chiamare in causa qualcuno che li soccorra,prenda le sue parti
o si batta al posto suo posto

Vediamo i 3 ruoli più da vicino
La vittima per giocare ha bisogni degli altri due personaggi
il persecutore
per continuare a sentirsi perseguitata,sottovalutata,( ce ‘ha con me..non mi può vedere…)
Ecco la scheda del persecutore
ama puntare il dito verso gli altricriticare(non va mai bene niente),svalutare l’altro (non capisci niente..).Il classico persecutore si crede perfetto,è supponente,arrogante,irritante più di un mazzo d’ortiche.Il classico padreterno in terra..intimidisce,ricatta e ama circondarsi di yes men e yes women.Vietato avere un momento di defaillance, essere deboli

•il salvatore
per passare la patata bollente in altre mani
Il Salvatore vive dentro di sé un perenne senso di colpa,paura di essere isolato,di valore poco e cerca di neutralizzarlo aiutando gli altri e incassando visibilità e crediti di gratitudine.
L’aiuto non è poi così disinteressato.
Il suo star bene dipende da chi ha bisogno del suo aiuto e da chi lo gratifica

bibliografia
Come risolvere i problemi delle persone con l’analisi transazionale