Mese: ottobre 2016

Lavoro:5 cose da tenere in mente per investire nel tuo futuro (inglese compreso)

Postato il Aggiornato il

INVESTIRE NEL FUTURO CARRIERA,Vittoria Nervi,career counseling,branding

La crisi e la sempre maggiore flessibilità hanno cambiato il mercato del lavoro e il paradigma di carriera.
Oggi è più che mai vitale imparare a gestire il tuo lavoro e promuovere la tua professionalità  in prima persona con un atteggiamento proattivo.Devi diventare il boss della Azienda IO,me.Per farlo devi investire nel tuo futuro professionale cioè impiegare energia,tempo e denaro per avere risultati efficaci.
Ognuno è libero di impiegare il proprio denaro secondo le sue priorità ma se lasci al caso o in secondo piano la gestione della tua professionalità e non investi in te stesso sarai portato prima o  poi a subire i cambiamenti,ad essere impreparato di fronte agli ostacoli e alle bufere cicliche della crisi.

5 cose importanti da tenere bene in mente per non rimanere al palo

1acquisire la mentalità  lifelong learning
2 aggiornamento per quanto riguarda le  tecniche nel tuo campo professionale
(qualche certificazione non guasta)
3 implementare i punti di forza e lavorare sui punti critici
Se hai una visione chiara di entrambi è il momento di investire in una SWOT
4 fare un check up del tuo capitale (competenze,esperienza….)
5 impara almeno una lingua straniera.L’inglese è il minimo per avere più chance
•di essere assunti e di guadagnare di più
•sia dal punto di vista del livello di  employability(occupabilità) sia da quello che potrebbe fare la differenza fra te e altri che cercano lavoro.La conoscenza di una lingua straniera fa la differenza.
In più della metà delle offerte di lavoro si richiede una lingua straniera.
Siamo in un mondo globale.

Inglese : il tasto dolente e la questione lingue
Imparare l’inglese richiede un investimento di tempo che però ha un discreto ROI
(indice della redditività di un capitale investito).
Spesso quando leggo nei CV che l’inglese è assente o è a ‘livello scolastico’ e chiedo spiegazioni le
obiezioni più gettonate sono:

1  ho cercato di impararlo ma non sono portato
è la conclusione di chi per anni a scuola ha studiato inglese ma non è riuscito ad impararlo
I motivi sono diversi
•non ha usato lo stile di apprendimento e il metodo di studio giusto per lui
• ha adottato tecniche di 40 anni fa
• è stato obbligato a tradurre dall’italiano
• non conosce le tecniche mnemoniche adatte
per far pace con l’inglese prova a prendere in considerazione il tutoring

2 non ho tempo
in rete esistono ormai montagne di materiali,siti,video….usabili quando hai tempo e comodamente a casa tua.Parecchio materiale è gratuito ma per evitare surfing di ore e scarsi risultati occorre saperlo selezionare in base al livello,interessi,skill,function..
Vuoi una consulenza per fare un piano di studio? leggi che servizi offro o richiedi la brochure a english.instantsolutions@gmail.com.

3 so la grammatica ma non riesco a  capire quando parlano
Per lavoro è probabile che dovrai usare l’inglese al telefono o per presentarti oppure per partecipare a meeting e/o videocall…
Un vecchio detto recita:”Vale più la pratica che la grammatica”
Occorre una esposizione alla lingua giornaliera per farsi l’orecchio.
l’80% del tempo deve essere impiegato per farsi l’orecchio
1 concentrati sul ritmo,sulle parole di contenuto
2 abbreviazioni ( can’t,gonna,wanna….) 
leggi la tecnica shadowing
Ci sono podcast,film,canzoni,le news delle reti tv,reti sociali come Busuu  Italki  lang-8
Per i film
3 guarda possibilmente un film che hai già visto in italiano
non guardare un film in inglese con sottotitoli in italiano: tempo perso
leggi la tecnica del self talk

4 lo capisco ma non riesco a parlare
la fluency si acquisisce
•col metodo trial by error cioè andando per tentativi
• senza tradurre mentalmente prima
• immergendosi nel contesto( quando hai iniziato a parlare ascoltavi frasi e discorsi di ogni tipo e non erano ordinati per difficoltà come unit scolastiche)
• parlando l’inglese di tutti i giorni(real English) che,come ogni lingua, è diverso da quello formale e scritto

Per entrare in una azienda specie una multinazionale una certificazione non guasta

ecco una panoramica dei Certificate
Il Cambridge BEC – Business English Certificate un certificato riconosciuto a livello internazionale
♦attesta la conoscenza della lingua inglese in ambito business e professionale
Costituisce un test completo, dal momento che copre tutte e quattro le abilità linguistiche – ascolto, lingua parlata, lettura e scrittura.
♦ costituisce un grande vantaggio se prevede di lavorare per un’azienda internazionale o all’estero .
I tre livelli del BEC sono collegati al Quadro Comune Europeo del Consiglio d’Europa
il sito ufficiale per il business English

Annunci